Concorso Polizia Penitenziaria: 754 allievi agenti

Concorso Polizia Penitenziaria: 754 allievi agenti

Concorso Polizia Penitenziaria: il Ministero della Giustizia ha indetto un concorso per l’assunzione di 566 allievi e 188 allieve agenti.

Concorso Polizia Penitenziaria – Posti disponibili, così ripartiti:




A) concorso pubblico, per esame e titoli, a n. 452 posti (340 uomini; 112 donne) riservato:
– ai volontari in ferma prefissata di un anno (VFP1) che sono in servizio da almeno sei mesi alla data di scadenza della domanda di partecipazione al concorso ovvero VFP1 collocati in congedo al termine della ferma annuale, purché siano in possesso dei requisiti prescritti per l’assunzione nel Corpo di polizia penitenziaria;
– ai volontari inferma prefissata quadriennale (VFP4) in servizio o in congedo, purché siano in possesso dei requisiti prescritti per l’assunzione nel Corpo di polizia penitenziaria;
B) concorso pubblico per esame a n. 302 posti (226 uomini; 76 donne) aperto ai cittadini italiani, purché siano in possesso dei requisiti prescritti per l’assunzione nel Corpo di polizia penitenziaria.
– Numero 2 posti (uno maschile ed uno femminile) sono riservati, subordinatamente al possesso degli altri requisiti, a coloro che sono in possesso dell’attestato di bilinguismo (lingua italiana e tedesca) previsto dall’art. 4 del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752 e successive modifiche, per l’assegnazione agli istituti penitenziari della Provincia di Bolzano. I posti riservati, qualora non coperti, saranno devoluti agli altri concorrenti in ordine di graduatoria.
2. I posti del concorso di cui al comma 1, lettera a), eventualmente non coperti per insufficienza di candidati idonei, saranno assegnati agli idonei non vincitori del concorso di cui alla lettera b), secondo l’ordine della relativa graduatoria finale di merito, maschile e femminile.
3. Si precisa che all’atto della presentazione della domanda con le modalità di cui all’art. 5 i candidati debbono optare per il concorso cui intendono prendere parte, essendo consentita la partecipazione ad uno solo dei concorsi di cui al comma 1, avendone i requisiti.
4. L’Amministrazione penitenziaria si riserva la facoltà di revocare o annullare il presente bando di concorso, sospendere o rinviare lo svolgimento del concorso stesso, nonché le connesse attività di assunzione, modificare, fino alla data di incorporamento dei vincitori, il numero dei posti – in aumento o in decremento -, sospendere la nomina dei vincitori alla frequenza del corso, in ragione di esigenze attualmente non valutabili ne’ prevedibili, nonché in applicazione di disposizioni di contenimento della spesa pubblica che impedissero, in tutto o in parte, assunzioni di personale per gli anni 2019 – 2021.

Requisiti per la partecipazione al concorso:
a) cittadinanza italiana;
b) godimento dei diritti civili e politici;
c) aver superato gli anni diciotto e non aver compiuto e quindi superato gli anni ventotto;
d) idoneità fisica, psichica ed attitudinale al servizio di polizia penitenziaria, in conformità alle disposizioni contenute negli articoli 122, 123, 124 e 125 del decreto legislativo 30 ottobre 1992, n. 443, e successive disposizioni, ed in particolare:

Requisiti fisici:
1) sana e robusta costituzione fisica;
2) composizione corporea: percentuale di massa grassa nell’organismo non inferiore al 7 per cento e non superiore al 22 per cento per i candidati di sesso maschile, e non inferiore al 12 per cento e non superiore al 30 per cento per le candidate di sesso femminile; forza muscolare: non inferiore a 40 kg per i candidati di sesso maschile, e non inferiore a 20 kg per le candidate di sesso femminile; massa metabolicamente attiva: percentuale di massa magra teorica non inferiore al 40 per cento per i candidati di sesso maschile, e non inferiore al 28 per cento per le candidate di sesso femminile;
3) senso cromatico e luminoso normale, campo visivo normale, visione notturna sufficiente, visione binoculare e stereoscopica sufficiente;
4) visus naturale non inferiore a 12/10 complessivi quale somma del visus dei due occhi con non meno di 5/10 nell’occhio che vede meno ed un visus corretto a 10/10 per ciascun occhio per una correzione massima complessiva di una diottria quale somma dei singoli vizi di rifrazione;
5) funzione uditiva con soglia audiometria media sulle frequenze 500 – 1000 – 2000 – 4000 Hz, all’esame audiometrico in cabina silente non inferiore a 30 decibel all’orecchio che sente di meno e a 15 decibel all’altro (perdita percentuale totale biauricolare entro il 20%);
6) l’apparato dentario deve essere tale da assicurare la funzione masticatoria e, comunque:
– devono essere presenti dodici denti frontali superiori ed inferiori;
– è ammessa la presenza di non più di sei elementi sostituiti con protesi fissa;
– almeno due coppie contrapposte per ogni emiarcata tra i venti denti posteriori;
– gli elementi delle coppie possono essere sostituiti da protesi efficienti;
– il totale dei denti mancanti o sostituiti da protesi non può essere superiore a sedici elementi.
Costituiscono causa di non idoneità le imperfezioni ed infermità previste dall’art. 123 del decreto legislativo 30 ottobre 1992, n. 443.



Requisiti attitudinali:
1) un livello evolutivo che consenta una valida integrazione della personalità con riferimento alla maturazione, alla esperienza di vita, ai tratti salienti del carattere ed al senso di responsabilità;
2) un controllo emotivo contraddistinto dalla capacità di contenere i propri atti impulsivi e che implichi l’orientamento dell’umore, la coordinazione motoria e la sintonia delle reazioni;
3) una capacità intellettiva che consenta di far fronte alle situazioni nuove con soluzioni appropriate, sintomatica di una intelligenza dinamico-pratica, di capacità di percezione e di esecuzione e delle qualità attentive;
4) una adattabilità che scaturisce dal grado di socievolezza, dalla predisposizione al gruppo, ai compiti ed all’ambiente di lavoro;
Titolo di studio:
1) per il concorso di cui all’art. 1, comma 1, lettera a): diploma di istruzione secondaria di primo grado;
2) per il concorso di cui all’art. 1, comma 1, lettera b): diploma d’istruzione secondaria superiore che consente l’iscrizione ai corsi per il conseguimento del diploma universitario;
f) essere in possesso delle qualità morali e di condotta previste dall’art. 35, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, nonché dei requisiti di cui all’art. 5, comma 2, del decreto legislativo 30 ottobre 1992, n. 443.
2. I suddetti requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda di partecipazione al concorso.

La domanda di partecipazione per il concorso Polizia Penitenziaria nel ruolo di allievi agenti va redatta ed inviata esclusivamente con modalità telematiche sul sito del Ministero della Giustizia
Le domande possono essere inoltrate dal 6 marzo 2019 al 4 aprile 2019
Ente: Ministero della Giustizia
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami n.18 del 5/3/2019
Posti a concorso: 754

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.